La qualità dell’aria (di Lex Nihilo)

La nazione intera sembrò come intrappolata in un interminabile e paranoico fermo immagine. Le strade si vuotarono. Resistevano solo alcuni singolari individui, equipaggiati con i più disparati dispositivi di protezione, mascherine anti polvere, comprese quelle più o meno professionali, passando per le vie di mezzo con filtri e valvole di dubbia utilità, maschere da verniciatori, fazzoletti davanti alla bocca e chi più ne ha più ne metta

Leggi di più